Mondo Creativo 2017: sogni ed emozioni

Torno a casa veramente entusiasta dall’esperienza, seppur breve, del Mondo Creativo di Bologna. Non c’ero mai stata, ma quest’anno avevo davvero una buona occasione per andare..

Prima di tutto vi dico che fa bene andare a queste manifestazioni, fa bene a tutti: ai creativi come me, che possono conoscere le “loro simili”, scambiarsi consigli, complimenti, e soprattutto possono lasciarsi ispirare!

Si, ispirare! Scusate il gioco di parole, ma.. Respirare l’aria del Mondo Creativo e di tutti gli stand, sbirciare tra i vari creatori e i venditori, ha letteralmente messo in circolo la mia progettualità e la mia immaginazione! Già in macchina nel viaggio di ritorno dovevo scrivere e buttare giù tutte le idee che mi erano venute in mente!

Ma… Fa bene anche a chi non è un creativo, ma un amante dell’artigianato, perché sicuramente potrà trovare una serie infinita di oggetti e accessori originali e unici, prodotti con amore, pazienza e dedizione, spesse volte prodotti appositamente per voi: oggetti che valgono, non solo in termini monetizzabili, ma anche per aspetti meno economici ma più “etici”; creazioni che segnano un confine preciso tra produzione sostenibile e produzione seriale, tra sfruttamento e valorizzazione del lavoro.

IMG_9908

Fa bene anche a chi, prima di oggi, non si era mai avvicinato al mondo del “fatto a mano”, a chi ancora credeva che gli artigiani fossero quelli che “producono cosine e mettono banchini”. Si fa bene anche a voi, perché scoprirete un mondo a cui dopo non potrete rinunciare: scoprirete che dai creativi non si vendono oggetti, ma si vendono esperienze d’acquisto (questa una volta l’ho sentita, ma pardon, non ricordo da chi!), si vende una filosofia, uno stile di vita consapevole. (Se non siete ancora convinti andate a rileggere il post sulla Fashion Revolution che ho scritto il mese scorso!)

Detto ciò.. voglio dirvi cosa ho trovato io!

Ho trovato delle creative incredibili, con tanta voglia ed entusiasmo, ma soprattutto con delle idee pazzesche e che producono oggetti fantastici: dopo un’ora li dentro mi sono accorta di non riuscire a fare a meno di un sacco di cose a cui fino al giorno prima manco avevo mai pensato! Purtroppo non ho potuto parlare e conoscere tutte, perché il tempo a disposizione non era molto e ovviamente anche loro avevano il suo bel d’affare, quindi non volevo disturbare troppo!

Ho dato un volto e una voce a molte foto che giornalmente scorro sui social, ed è stato bellissimo!

Sono passata a trovare Carla (La ragazza dello Sputnik), ma purtroppo stava tenendo una conferenza e non ho potuto dirle di persona quanto splendide e ben fatte siano le sue borse, dal vivo ancora di più, ve lo assicuro!

Ho conosciuto Giulia di Insunsit, e mi sono innamorata ancora una volta delle sue illustrazioni: confesso ho ceduto e ho comprato un turbante.. l’avevo dichiarato prima della partenza, eh?!

IMG_9904

Ho intravisto (purtroppo non conosciuto) Lucia di Impressioni, che con il suo stand fa sognare! E non solo con il suo stand.. beh, si , perché è proprio grazie a lei e alla mitica Sara di Nuvolosità Variabile, che ho partecipato indirettamente a questa edizione del Mondo Creativo.

Grazie al lavoro del loro team, sono riuscite a creare un allestimento pazzesco: Craft Your WEDDING !

IMG_9907

Un angolo davvero magico, romantico e splendido, dove hanno saputo accostare perfettamente le creazioni di molte di noi ( in foto potete vedere il mio vestito boho da bambina e la mia pochette Alfa), in tema matrimonio, creando non solo un’esposizione di cose, ma una storia, un racconto, che ti sembra di aver vissuto davvero! L’accostamento di colori, pezzi e stili è stato davvero incredibile, non so come ci siano riuscite ma hanno fatto davvero un lavoro eccellente!

Dalle partecipazioni, alle bomboniere, foto, abiti, accessori.. tutto era perfettamente in linea e non mancava proprio niente! Giuro vorrei sposarmi di nuovo!!

Quindi grazie a loro per aver creato tutto questo, e grazie anche a tutte le creatrici che hanno partecipato!

Questo collage qua sotto è stato pubblicato da Lucia sul suo profilo instagram, seguendo il link potrete vedere l’originale con tutti i creativi taggati… andate a sbirciare! 😉

Io sono d’accordo con lei quando dice che si può rifare, e voi?!

Perché andare a vedere la Bella & la Bestia

Partiamo dal presupposto che non sono un tipo proprio romantico e sensibile o comunque attratto da film eccessivamente d’amore..

Spinta però dall’amore nei confronti di mia nipote, ho ceduto alla sua insistenza e sono andata con lei al cinema a vedere il film con Emma Watson

Probabilmente ho accettato proprio perché c’era lei: da grande fan di Harry Potter nutro per Hermione un amore folle! Ed effettivamente non ha tradito le mie aspettative!
Prima di elencarvi i miei cinque buoni motivi per cui andare a vedere il film, e anche per cui andare a vederlo con i bambini, che siano figli o nipoti, volevo fare una piccola parentesi su i cartoni Disney e sulle storie per bambini più in generale.

Come qualcuno di voi saprà, sono una educatrice scout, per questo grande appassionata del libro della giungla, ma soprattutto grande appassionata del metodo “imparare giocando

Beh, si, perché i bambini hanno un modo tutto loro di apprendere o approcciarsi a cose e situazioni che per loro possono essere completamente nuove, ed il gioco, lo sperimentare, per loro rappresenta il modo migliore per fare esperienza!

Così, come succede nel libro della giungla, anche in molte altre favole Disney, sotto la scorza superficiale di principesse e principi azzurri, si nascondono molti più insegnamenti di quanto non ci possiamo aspettare!

Non commettiamo l’errore di essere noi le prime ad essere superficiali e pensare che sono “soltanto favole”.. per loro sono lezioni di vita!

 

 

“Fare tutto col gioco, ma niente per gioco”

Baden Powell

 

Imparare giocando è il metodo più pratico, semplice, concreto e pragmatico che conosca, per permettere ai bambini di fare esperienza di vita che rimangano loro bene impresse, o sicuramente più impresse che se stessi io li a spiegare la faccenda a loro!

Quindi, quotati tutti i film, cartoni o favole Disney… perché andare a vedere la bella e la bestia??

1. perché è un film contro i pregiudizi.

All’inizio del film, durante le prime scene, mia nipote di quattro anni, è rimasta impaurita dalla bestia; quando ho tentato di tranquillizzarla mi sono ritrovata a spiegarle che anche se la bestia era brutta, tralasciando poi il motivo per il quale un bel principe era diventato una così brutta bestia, non doveva farle paura perché in realtà non era cattiva.. li mi sono resa conto, dopo soli pochi minuti, che già il concetto del pregiudizio era stato sviscerato e messo sotto i loro occhi nel modo più semplice! Non giudicare qualcuno dall’aspetto, ma guarda sempre oltre!

2. Perché insegna alle ragazze a non accontentarsi.

Belle era sicuramente una bella ragazza, ma era di più: colta, intelligente e sveglia… una così non poteva accontentarsi del più bello o più forte del villaggio, solo perché era il meglio che poteva avere li! Sapeva che non era il meglio per lei, indipendentemente da quello che c’era intorno e non ha voluto sposarlo! Della serie: meglio sole che male accompagnate! Ma vale per tutto e in tutto!

3. Perché è fedelissimo al cartone originale ed Emma Watson è fantastica!!! Anche Gaston è stato strepitoso per me!

4. Perché un po’ di magia non guasta mai.

Vedere tazzine, candelabri o orologi che cantano e parlano… è bello anche per i grandi!

5. Perché c’è una storia d’amore di mezzo.. anzi, più di una!

L’amore tra genitori e figli, l’amore tra un uomo e una donna.. e che che si dica.. l’amore conta, come dice Ligabue, sempre.
Beh, spero di avervi invogliato ad andare!

Per chi è già andato… che dite, mi date ragione?

Dai, dai, aumentate la lista dei buoni motivi, commentate qua sotto!!!

Come Indossarlo: maglione Faggio

Come indossarlo: stile semplice e comodo!

Buongiorno a tutte! Anche se febbraio sta per terminare e con marzo si sa, dovrebbe arrivare anche la primavera, oggi sono qui a parlarvi di un accessorio che in realtà è prettamente invernale: il maglione faggio!

Come qualcuno avrà visto la scorsa settimana è uscito un mio articolo su un blog americano e canadese molto famoso, our maker life: un movimento formato da makers, bloggers e tutte le appassionate di artigianato!

In questo blog hanno una sezione denominata “come indossarlo” in cui le varie makers sono chiamate a descrivere i più stili nei quali può essere portata una loro creazione.

Prima di tutto occorre ringraziare la Fotografa Letizia Mugri, per lo splendido lavoro: è riuscita a farmi sembrare a tratti figa! 🙂

Comunque.. a parte il fatto che sono stata emozionatissima di scrivere questo articolo per loro, io ho scelto di parlare del mio stile, semplice e cozy, attraverso il maglione Faggio!

Che vuol dire cozy?

È un termine che trovo veramente difficile da tradurre in italiano, perché in inglese il solo pronunciarlo rimanda ad una sensazione, forte, decisa, sembra quasi qualcosa che si percepisce …

la Traduzione letterale sarebbe “comodo, intimo, avvolgente“, ma facciamo così: immaginatevi la sensazione di un maglione caldo che aderisce bene addosso senza stringerti in cui dentro stai comoda e… insomma perfetto per l’inverno!

faggio-2

Faggio Sweater

Il mio stile è moderno, semplice, cozy, a volte con un tocco boho.

I miei prodotti generalmente riflettono quello che cerco io stessa nell’abbigliamento ogni giorno: indumenti moderni, semplici ma stilosi, che possano fare la differenza senza essere troppo appariscenti, con una particolare attenzione al dettaglio!

Io adoro i vestiti non troppo aderenti, lavorati con filati grossi, con uno stile super cozy. Vestirsi in modo comodo, senza rinunciare allo stile, ed essere semplice, per me è fondamentale! Però amo anche i colori e mi piace abbinarli.

Ho pensato che questo maglione FAGGIO in un colore neutro come il grigio ghiaccio, potesse essere perfettamente abbinabile e declinabile in più stili!

Cozy style: in mezzo alla natura!

cozy-style-1

Faggio Sweater in Toscana

Faggio è perfetto per essere portato durante una giornata trascorsa nella natura, una passeggiata o un’escursione: con un paio di jeans, gli scarponcini adatti e perché no, anche un cappello!

Il maglione mi terrà al caldo e starò comoda.. quanto basta per sdraiarmi sull’erba e godermi il primo sole primaverile!!

Stile casual: in giro per la città

casual-style-3

Faggio per una giornata Street/Urban style

Indossato con un paio di pantaloni neri (attillati ma elasticizzati, in modo da rimanere comode), le vostre scarpe a tennis preferite ( io indosso sempre le Adidas o le Converse) e magari anche una fascia per la testa abbinata ( i dettagli fanno la differenza!)… Così il maglione sarà perfetto per la vostra giornata di relax, trascorsa a spasso per la città!!

Style formale: una giornata in ufficio

Per una giornata di lavoro, formale ma non troppo seriosa, il maglione può essere indossato con un paio di pantaloni a sigaretta ( io ho scelto il blu perché appunto risulta molto classico ma non troppo serio!) e una scarpa adatta all’occasione, magari un decoltè, ma anche una ballerina in pelle va benissimo! Questo look vi darà un tono serio e impeccabile, senza rinunciare alla comodità!

7

Me Felice!

Se vi è piaciuto così tanto.. vieni a vedere tutti i dettagli e i colori di Faggio!

Beh.. che ne pensate del mio maglione e dei vari outfit? Lasciatemi un commento sotto!!!

E adesso state pronti per la nuova collezione! 😉

Fashion Revolution 

Sulla scia del post di Katia di FabricStudio, ho deciso di dire anch’io la mia sull’etica dell’acquisto in generale, ma soprattutto nel campo della moda, che più mi vede partecipe! Cosa si intende dunque per etica dell’acquisto?

Beh io credo che si riconduca tutto ad una scelta consapevole.

Scelta Consapevole perché, quando si acquista qualcosa non lo si dovrebbe fare solo perché quell’oggetto ci piace, è di marca, è conveniente, etc.. ma bensì perché abbiamo la percezione, o la conoscenza, di quello che c’è dietro quel prodotto, e che quindi scegliamo consapevolmente di mettere nel carrello, virtuale o fisico che sia!

Dovremmo infatti chiederci qual’è il processo produttivo che ha reso possibile la vendita dell’articolo: se davvero abbiamo a cuore la sostenibilità ambientale, sociale ed economica, allora è il caso di guardare oltre e, come dice appunto Katia, di leggere attentamente il cartellino e le indicazioni di ciò che stiamo per acquistare!

Prima di comprare facciamoci delle domande sui prodotti utilizzati da quella industria, se utilizzano sostanze tossiche o meno, piuttosto che sullo sfruttamento delle risorse in atto (sostenibilità ambientale), di più ancora, sullo sfruttamento o meno dei lavoratori (sostenibilità sociale).. o almeno tante domande quante ve ne fate (spero), quando acquistate prodotti alimentari per voi e i vostri bambini!

L’economicità non è sempre sinonimo di qualità o eticità!

Faccio un esempio, l’altro giorno al mercato paesano dove abito io c’era un banco che vendeva un paio di scarpe, modello mocassino, a 5 euro! Ora.. aldilà del bello o brutto (de gustibus non disputandum est) passato lo stupore iniziale, le domande che mi sono fatta sono state principalmente due: per costare 5€..

1. Con COSA sono fatte ?

2. CHI le ha fatte?

Voglio dire.. considerando che il banco del mercato oltretutto sarà un rivenditore e non il produttore.. dove sono i guadagni+costi materiale + costi della manodopera???
La fashion revolution e la campagna WhoMadeMyClothes si pone come obiettivo proprio questo: porre l’attenzione sullo sfruttamento della manodopera nel campo tessile!

A questo punto mi sento in dovere di sottolineare almeno 5 aspetti positivi che emergono quando compri da un artigiano:

1. hai una garanzia di qualità ;

2. Hai garanzia dell’unicità del prodotto, che spesso viene fatto appositamente per te ;

3. Puoi richiedere personalizzazioni e cambiamenti che possano rendere veramente tuo l’oggetto ;

4. Hai un prodotto che vale esattamente il lavoro che c’è dietro (dai materiali, alla manodopera) e sai che hai valorizzato la creatività di qualcuno ;

5. Dietro al prodotto c’è un volto, ci sono delle mani, c’è un’anima creativa, con cui hai anche la possibilità di instaurare un rapporto!

Ora, detto ciò, non voglio dire che tutti dobbiamo acquistare sempre e solo da artigiani, anche perché altrimenti le grandi industrie andrebbero a gambe all’aria e con loro l’economia, senza considerare poi gli ovvi motivi economici!!

Però voglio semplicemente evidenziare che una scelta c’è, è possibile, ed in Italia si chiama artigianato.

Si dice che l’artigiano non venda oggetti, ma esperienze d’acquisto..

quindi se sei interessata a queste esperienze, puoi trovare tantissimi portali online, da A Little Market, a Etsy, DaWanda, passando anche per Amazon Handmade!

Su questi marketplace, oltre a sfogliare tutto ciò che è in vendita, avete anche la possibilità di vedere il volto di chi crea e di leggere la sua storia: vi consiglio di approfittarne!

L’oceano è fatto di gocce, iniziamo a riempirlo!

Hai voglia di raccontarmi la tua esperienza d’acquisto?
Raccontala nei commenti qui sotto!!

CARNEVALE: maschere e pentolaccia!

Buongiorno care!!!

Oggi parliamo di CARNEVALE! Eh, già, perché siamo ormai sempre più vicine e quando si tratta di maschere.. dobbiamo prepararci in tempo, no?

Allora questa settimana vi propongo alcune maschere “alternative”, per differenziarsi un pò dalla massa, ma soprattutto rigorosamente fatte a mano, come piace a noi! Così magari riusciamo anche a farci fare qualche piccolo cambiamento o personalizzazione!!

Pronte? via!

  1. FELPE

    La prima maschera che vi presento arriva dall’Italia, si tratta di una maschera che si può indossare anche tutto l’anno! Infatti altro non è che una felpa con cappuccio cucita con forme e dettagli di animali! Ce ne sono di molti tipi, le trovate tutte sullo shop Etsy di BYMAMMA190 . A me piacciono veramente un sacco, primo perché sono semplici e carine, niente di così vistoso o “mascherone” (nel senso figurato!), sono calde e poi perché sono tutti animali super fichi! Una semplice felpa con cappuccio, che può essere riutilizzata in qualsiasi periodo dell’anno, da indossare con jeans o leggins! Quasi quasi..me ne faccio fare una pure io!!! 🙂

    Ovviamente questa bravissima artigiana realizza anche altri capi di abbigliamento, per grandi e piccini, quindi vi consiglio di sbirciare nel suo negozio!

    Pagina fb: @bymamma190

     

     

  2. MASCHERE e COSTUMI IN FELTRO

    Come seconda proposta, vi mostro queste bellissime maschere (o costumi) in feltro realizzati da BHBKidstyle: sul negozio etsy di questi artisti portoghesi potrete trovare una grande selezione di maschere e costumi animaleschi in feltro, cuciti con estrema precisione e dovizia!

    E se proprio volete avere un’idea super carina, potrete una maschera anche per voi, da abbinare a quella del vostro nanetto! Oltre alle maschere da mettere sugli occhi in feltro, che possono essere acquistate anche complete di coda, io trovo veramente belli i costumi da uccello con le ali: hanno un non so che di magico!

    Pagina fb: @BHBKidstyle

     

     

  3. MASCHERE DI CARTA

    Per le feste in casa invece, o per chi vuole andare più sul semplice, c’è il sito SmallFul, in cui potete acquistare delle maschere di carta da stampare e ritagliare a dir poco favolose!!! I colori e le forme così magiche, mi fanno pensare subito a qualche festa in maschera super fica, magari ambientata all’aperto, in un bosco… insomma fanno sognare!

    Tra le altre cose, vi consiglio di visitare la loro pagina Facebook perché realizzano non solo maschere, ma tantissime attività da scaricare per bambini davvero molto divertenti!!

    Pagina fb: @SmallfulPrintables

    masks-4up-510x652

     

     

  4. MASCHERE DIY

    Per chi ha intenzione di organizzare una festa in casa e si sente vogliosa di tentare un’attività di mani abili in compagnia del figlio, oppure semplicemente vuole fare tutto da sola (vi capisco, credetemi!!) vi offro qui alcuni spunti per realizzare delle maschere fai da te (ovvero Do It Yourself) a dir poco geniali!!

    Prima di tutto vi consiglio di guardare  e prendere spunto da queste bellissime maschere di carta di  Ta.Ta Unconventional Design for Kids, che con poche semplici (?) mosse, realizzano dei soggetti degni di un carnevale in grande stile!! Anche in questo caso consiglio di andare a sbirciare la loro pagina Facebook (@tatakidsdesign) dedicata al design per bambini, in tutte le sue sfaccettature… troverete molte sorprese!

     

    Infine per navigare in un mondo di idee di maschere, ma anche addobbi per feste, per bambini e adulti, sbirciando nella selezione di Pinterest che vi ho preparato, troverete robe per tutti i gusti e, come dicevo prima, veramente originali!!!

     

  5. CORONCINE

Per ultimo, ma non per importanza (!!) vi propongo, per i più piccoli, le coroncine che trovate nel mio negozio Etsy CrastyCraft, ispirate ai personaggi di Caramel Town, realizzate in un filato 100% cotone all’uncinetto, con chiusura in feltro per aggiustare la circonferenza della coroncina, in modo che calzi perfettamente. Questi accessori, che vanno bene non solo per carnevale, ma per qualsiasi festa di compleanno di bambini, oltre ad essere originali e carini, potranno permettere ai piccini di immedesimarsi nel loro personaggio preferito, scegliendo tra Dotty la fragolina, piuttosto che Clo l’aviatore o Roro il leone, e tanti altri, e sognare di partecipare a mille avventure!!

La mia pagina fb: @CrastyC

SONY DSC

Ovviamente insieme alle maschere quello che non deve assolutamente mancare a Carnevale sono i tipici DOLCETTI !! Frati, frittelle, bomboloni, Cenci (così in Toscana chiamiamo le Chiacchere di Carnevale!)…. mmm.. ho già l’acquolina in bocca!!

E voi.. che idea avete per le maschere di carnevale??

 

BUONI PROPOSITI 2017

Ciao sono tornata!

Era un po’ che non scrivevo, vero?  beh diciamo che il mese di Dicembre è stato un grande… Delirio!!

Oh, non che mi lamenti eh! Anzi sono felice di essere stata molto molto molto impegnata… Però così facendo ho trascurato tante altre piccole cose..ma non preoccupatevi, sono qui per riprendere le fila di tutto! Infatti volevo proprio parlarvi del nuovo anno, dei nuovi progetti, di nuovi propositi… E di tanto altro!

Però.. a proposito di periodi sfrenati.. ci sono diversi ordini che non sono riuscita a ultimare per Natale e che quindi sono andati subito a ruota nel periodo successivo, a cavallo fra l’anno passato e quello nuovo!

Questo periodo di tempo coincideva esattamente con la fine della mia agenda e con l’indecisione totale sulla NUOVA agenda da prendere/ fare!

Mi sono messa pensare cosa mi serviva, quanto spazio, quale la dimensione giusta, quale gli inserti di cui avevo bisogno, etc .. perché si sa che sono una malata di organizzazione ed ho bisogno di 1000 e 1000 liste di foglietti!

Bene, in questo lasso di tempo: il delirio nel delirio! Nada, nisba, vuoto.. non riuscivo a fare niente, solo perché non era scritto su un elenco! A parte il fatto che mi sono resa conto di essere dipendente dagli elenchi, ma.. a voi non succede mai?!?!?

Cioè quando devi fare mille cose, il fatto di aver tutto scritto e organizzato da una parte, aiuta a rispettare delle tabelle di marcia, tempi di consegna, a dare priorità e a controllare costantemente a che punto è il lavoro, giusto?

Più ero senza la mia agenda, più brancolavo nel buio.. ho impiegato un’eternità a fare cose che richiedevano tempo minore!

Vi prego ditemi che anche per voi è così!

Bene, allora ho capito che per il 2017 era fondamentale (oltre che trovare l’agenda giusta) stilare una serie di OBIETTIVI a breve, lungo e medio termine da controllare e revisionare e a cui affidarmi, non solo per il mio lavoro, ma anche per la mia vita a tuttotondo!

Ad esempio vorrei:

  • targettizare di più nel negozio,
  • concentrarmi solo su alcuni oggetti e lasciar andarne altri,
  • fare nuovi progetti,
  • fare nuove collaborazioni,
  • scrivere di più sul blog e magari anche su altri blog o riviste,
  • vedere i miei articoli in qualche negozio fisico…

Può bastare? Direi di si! Anzi il programma sembra più quinquennale che annuale, ma noi non te mordiamo.. sai perché? Perché abbiamo le liste!!

Questo per quanto riguarda il mio negozio, però ho stilato dei punti anche per la mia vita in generale e allora ho pensato di condividerli con voi perché sono sicura che potranno esservi di aiuto o comunque potranno rappresentare uno spunto di riflessione per i vostri buoni propositi del 2017!

Sono dieci in totale, sono sicura ne farete tesoro, condivideteli pure!!

Ovviamente nei commenti qua sotto aggiungete i vostri, così da creare un pozzo di buoni propositi da cui pescare!

buoni-propositi-2017

Ps alla fine per l’agenda.. ho preso delle ricariche di una che avevo, perché così ho potuto implementare con gli inserti che mi sono creata ad hoc! 😉

Caro Babbo Natale.. parte I

Buongiorno!! Siamo già a metà novembre, e visto che pare i principali regali di Natale si acquistino tra il Black Friday (25 novembre) e Cyber Monday (28 novembre) ho pensato di condividere con voi una letterina a babbo natale, tutta handmade!

Ovviamente.. anche chi ignora l’esistenza di questi due giorni di sconti clamorosi.. dovrà a breve fare i conti con i regali!

Ora.. la premessa è che le cose che vorrei o che comunque potremmo inserire qui sono veramente tante, quindi ho fatto una selezione: tanto per cominciare il questo post vi mostro solo articoli da donna, per i bambini poi scriveremo un’altra letterina!

Seconda premessa da fare, molto importante, è quella che riguarda gli oggetti e i brand selezionati: nella marea di opportunità e scelte che avevo, ho tentato di selezionare oggetti diversi e anche marche che, oltre ad essere nel campo dell’artigianato, fossero anche un po’ fuori dalle righe, diversi, come stile e come oggettistica!

Pronti, partenza… via!

1) una gonna di ForEverIsLove (non ricordo mai dove vanno i puntini!)

Ho scoperto da poco Questo mondo tulloso e nonostante io non sia un’amante di questa stoffa in generale, ci sono alcune di queste gonne che mi fanno impazzire! È la rivoluzione del tulle per come lo avevo concepito fino ad oggi: gonne o vestiti che possono essere portati casual con un paio di Adidas, piuttosto che con dei leggings! Insomma.. una scoperta!!

 
2) una borsa di LeFrac!

Se amate il feltro e la linea stilosa: benvenute! Anche questa di recente scoperta! La mie preferite sono la Emma Mini e la Matilde (che può essere portata come uno zainetto!)

Aldilà della scelta dei colori e del materiale, che a me personalmente piace molto, queste borse sono moderne, eleganti e di una semplicità unica! Poche volte ho visto trasformare il feltro in qualcosa di così poco scontato!!

 
3) un bracciale o una collana di WeAreNodo!

Sono geniali, poco da dire.. la linea cut out è fantastica! Comprerei ogni singolo pezzo e forse me li cambierei 10 volte il giorno per essere sicura di indossarli tutti!! Semplici, colorati, di grande effetto! Sono i classici accessori che adoro, perché svolgono al meglio la loro funzione: anche con un vestito nero, io più semplice che c’è, piuttosto che con una fruir bianca e un paio di jeans.. gli accessori di WeAreNodo ti risolvono il look!

 
4) una spilla, un ciondolo, ma anche una bustina per borsa o qualunque cosa vogliate di Insunsit!

Lei disegna elementi della natura, per lo più fiori o foglie.. e lo fa benissimo! La tecnica di disegno e i colori che usa rendono questi oggetti unici e fantastici!

Oltre ai ciondoli o spille, che dipinge sul legno, tramite the ColourSoup stampa tessuti con le sue illustrazioni per realizzare altri piccoli oggetti! Ultimamente ha realizzato un pattern con la vite americana che adoro follemente!!!

Fino a qua ho selezionato tutte artigiane italiane, anche se non tutte residenti in Italia! Per l’ultima ho sforato.. perdonatemi! 🙂

 

5) una ceramica di Camila Prada!

Realizza oggettistica per la casa, tipo tazza, tazzine, contenitori, vassoi, piattini, etc… la particolarità?? I disegni dei suoi oggetti!!! Riesce perfettamente a coniugare un magico mondo di animaletti con un design minimal ma molto colorato e serio! Fantastica! Per i suoi prodotti, che sono “sfornati”, nel vero senso della parola, un po’ per volta, ci sono attese forse epiche, però.. ne vale la pena!!!

 
Beh, che dite?! Vi sono piaciuti questi spunti?

Avete qualche altro regalo da aggiungere? Commentate sotto e spargete artigianato!! ❤️
Ovviamente se volete accessori di maglieria da regalare alle vostre amiche/sorelle/mamme o solo da aggiungere alla lista dei desideri per natale … sapete dove trovarmi!! 😊😊

Il magico mondo della LANA!

Buongiorno care!

L’autunno è arrivato, le temperature si fanno più basse e l’aria più fresca, gli alberi cambiano colore, tutto intorno sembra essere arancio, senape, marrone: tutti colori caldi!

Quindi tra poco sarà tempo anche di iniziare a indossare i nostri accessori preferiti: sciarpe, colli, mantelle, poncho, maglioni .. tutto super avvolgente e caldo (e comodo aggiungerei!!)

Però, come riconoscere la lana più adatta a noi? Quella più calda? Quella più o meno “pelosa”?

Bene, allora oggi vi introdurrò nel magico mondo della lana, così non potrete più sbagliare un colpo! Eh si, perché si fa presto a dire LANA, ma sapete quante tipologie esistono?? TANTISSIME! Oggi ve ne descriverò alcune, spiegandovi le differenze, sia nella composizione del filato che nel metodo di produzione!

Innanzi tutti i filati si dividono principalmente tra FILATI NATURALI e FILATI SINTETICI, dopodiché una ulteriore distinzione viene fatta in base alla loro origine.

Nello schema qui sotto vi ho riassunto i principali filati,divisi in categorie.

schema-lana

Ma entriamo nello specifico..

LANA MERINO

Le pecore sono abituate a forti escursioni termiche, vento, umidità, proliferazione di parassiti e per questo motivo hanno sviluppato particolari caratteristiche e per questo motivo la lana che si ricava ha qualità uniche.
Curiosità: i capi in lana merino possono essere indossati anche nelle stagioni calde e vengono definiti “fresco di lana” o “quattro stagioni”.

LANA DI MOHAIR

Un filato bellissimo con cui vengono realizzati capi leggeri e morbidi come nuvole, molto caldo e avvolgente e con l’aspetto brillante che la rende così caratteristica. Curiosità: per le particolari proprietà riflessive, la fibra di mohair viene spesso mescolata ad altre fibre meno pregiate per migliorare la qualità del prodotto finito.

LANA DI ALPACA

Questo filato è rinomato per la sua leggerezza, per le sue caratteristiche termiche e per quella particolare sensazione al tatto, simile alla seta. L’Alpaca è l’unico animale al mondo che produce lana in una grandissima varietà di colori: oltre 22 colori naturali!

La lana di Alpaca è priva di lanolina, non infeltrisce e non causa reazioni allergiche, essendo ben tollerata quando portata direttamente sulla pelle, è perciò indicata nell’abbigliamenti intimo dei neonati e i prodotti realizzati con questi filato sono apprezzati per la loro leggerezza e grandissime capacità termiche: sono capi destinati a durare perché difficilmente si sfilacciano, macchiano o creano elettricità statica. Curiosità: confrontata con la lana di pecora, la fibra d’Alpaca è tre volte più resistente, sette volte più calda e molto più morbida e leggera: per questo motivo i tessuti realizzati con questa fibra naturale erano un tempo riservati per vestire gli imperatori Inca.

LANA DI ANGORA

L’angora è un tipo di lana pregiata prodotta con il pelo del coniglio d’angora, un animaletto di corporatura grossa, di colore bianco e coperto da un pelo lungo e morbido.E’ molto morbida, pelosa, soffice e da una forte sensazione di calore. I capi realizzati con questo filato risultano molto morbidi e voluminosi, ma il più delle volte questo filato viene utilizzato mescolato ad altri, sia per l’elevato costo che per la scarsa resistenza all’usura. Curiosità: per i bambini piccoli va usato solo filato a pelo cortissimo, per quello utilizzato per i maglioni con pelo medio lungo occorre aspettare un po’ poiché è normale che il capo perda qualche pelo e potrebbe finire negli occhi o sulla bocca del neonato.

ACRILICO

E’ un filato di fibre sintetiche prodotte a partire da acrilonitrile, un composto chimico utilizzato nella sintesi di materie plastiche, quindi non naturale. E’ morbido e simile alla lana al tatto e in alcune caratteristiche, ma non infeltrisce, per questo viene spesso usato nelle composizioni mischiandolo alla pura lana. Proprio per la sua natura sintetica ha un’ampia varietà di colorazioni.

Processed with VSCO with t1 preset

Crasty a lavoro con il filato misto lana e alpaca!

Spero di essere stata chiara ed esaustiva, almeno adesso saprete cosa comprate e cosa aspettarvi una volta letto il cartellino della composizione! 😉

Io uso un filato misto lana e alpaca: prima di tutto perchè prediligo i materiali naturali e di qualità, inoltre trovo l’alpaca perfetta in ogni occasione: priva di lanolina, non infeltrisce e non causa reazioni allergiche.. cosa volere di più da un gomitolo?? 🙂

Prima di lasciarvi, alcune indicazioni, altrettanto importanti sul lavaggio!!

COME LAVARE LA LANA:

Quando si tratta di pura lana è sempre meglio lavarla a mano, con saponi neutri e delicati!

Si tende sempre a lavare il capo al rovescio, in modo da non creare tutti i pallini sulla superficie, usare acqua tiepida ed evitare sbalzi di temperatura durante l’operazione di lavaggio, in modo da non far infeltrire la lana. E’ importante non lasciare la lana per troppo tempo in acqua e non strofinare violentemente il capo o non strizzarlo (o torcerlo); una volta completato il lavaggio è importante asciugare la lana in piano, stesa orizzontalmente, magari dove può sgocciolare, meglio se la zona è areata e non direttamente esposta al sole!

 

Allora.. qual’è il vostro filato preferito?

Back to school 

Ma è vero che è ricominciata la scuola????Beh, mi sa che per alcuni era anche già iniziata!!!

Per me è sempre stato un trauma: addio vacanze, addio dormite…

Si, ma, ora che ci penso, per le mamme forse, dico forse, così male non è, giusto?!

E in fondo in fondo, neanche per bambini! Pensate che bello rivedere tutti gli amici dopo tanto tempo!!… E poi….

…Poi…

…Basta?!

Ma no, dai!! A scuola si fanno un sacco di cose divertenti, si impara sempre qualcosa di nuovo, ci si confronta, si parla… insomma, non è così male!

Però questo non toglie che dobbiamo arrivarci preparati!!!

E allora ecco per voi una lista di 5 cose che potranno esservi utili (alcune direi proprio essenziali per risollevare il morale!) per l’inizio del nuovo anno scolastico, per bambini e non! Ovviamente tutto rigorosamente HANDMADE!
1_ Partiamo dai più piccini… Che ne dite di far sfoggiare al nanetto una bella maglietta che lo metta subito di buon umore?

Sicuramente questa di Juiceforbreakfast fa al caso vostro:

maglietta

T-shirt bambino primo giorno di scuola

Per i più grandi direi invece che c’è bisogno di più magia, quindi mi sentirei di proporre qualcosa un pò fuori dagli schemi “Babbani”, tipo questa fantastica t-shirt! (io non vado più a scuola, ma me la prendo sicuro!!)

maglietta2

T-shirt donna tema Harry Potter!

2_ Poi vediamo… per andare a scuola/università (non solo direi, anche per andare in ufficio!) mi sembra fondamentale un bello zaino, allora non c’è cosa più bella che poterne creare uno tutto personalizzato con una combinazione di colori scelta da noi e, se vogliamo, con la possibilità di aggiungere le nostre cifre!

Se date un’occhiata al negozio di ICONNULAB su Etsy, ne troverete sicuramente uno che fa per voi!

zaino.jpg

Zaino personalizzato

3_ Dentro lo zaino metterei un bell’astuccio, beh che dire di farci dare una mano da Dotty in questo caso? è così ansiosa di venire a scuola con voi! 🙂

Pen purses - dotty (1 di 1).jpg

Astuccio di Dotty

Tra pochi giorni potrete trovarlo sul mio Shop online!

Poi, per un’ampia scelta di bustine astuccio sobrie e simpatiche, vi consiglierei di buttare un’occhio al negozio di APPLEWHITE, ce ne sono davvero in quantità: bianchi e neri, colorati, fantasie floreali, fantasie geometriche, etc.. tutti molto delicati e allegri !

astucci

Astucci in cotone

4_ Se siete di quelli che perdete ogni cosa, libri compresi, questo timbro di CREATIATE sarà la vostra soluzione eterna: marcate tutto e di più e ricordate di scrivere il vostro nome!

timbro

Timbro per libro

In alternativa, sempre su ETSY potrete trovare un sacco di negozi che realizzano timbri come questo ma già con il nome incluso, tanto per essere ancora più sicuri! 😉

5_ Sempre per i piccini, “grembiule-dotati”, che dite di caratterizzare il vostro grembiule con un tocco in più grazie a collarini realizzati all’uncinetto come questo di COSEDIISA?
Ovviamente ampia scelta di colori  finiture e possibilità di richiedere un prodotto fatto a posta per voi! 😉

collarino.jpg

Collarino all’uncinetto

 

Queste sono solo 5 cose… ma se siete curiosi e volete sbizzarrirvi con l’argomento (vi assicuro che si può fare!) esistono anche un sacco di “raccolte” con tantissimi oggetti realizzati a mano sul tema della scuola, passando dagli unicorni

back-to-school-unicorn

Collezione Scuola a tema UNICORNO

ai colori in men che non si dica! 😉

school-time.png

Collezione scuola rosso volpe

 

Allora, qual’è la cosa a cui voi o i vostri bambini non rinuncerebbero mai per andare a scuola?

Ah… Buono studio! 🙂